I frutti dell’ozio

“I frutti dell’ozio” è la piccola selezione di opere che l’artista Shakti ha scelto per OLÉ Festival.


I disegni che la compongono sono la trasposizione di un viaggio onirico. Sono nati sotto le palpebre dell’artista, durante una passeggiata su viottoli costellati di papaveri viola, per poi scivolarle fra le dita e nel pennello.

Shakti ci invita a conoscere i frutti segreti dei suoi sogni, fra ciucci ribelli, capezzoli di caramelle gommose e sensuali creature in latex.

Ha frequentato l’istituto d’arte alle scuole superiori, in seguito ha conseguito una laurea in antropologia presso l’università di Bologna e attualmente sta continuando a studiare a Torino. Durante gli anni dell’università inizia a riprodurre su carta le sue emozioni, come un diario segreto, una valvola di sfogo. Comincia ad indagare sul tema della sessualità, dell’autocoscienza, della pornografia e da questo percorso nascono  le sue prime esposizioni, molto intime . Questa nuova mostra propone pezzi inediti e con un innovativa introduzione di colore.

supervaginas.tumblr
www.shaktidisegna.org

supervaginas@autistiche.org